In bella vista: Alcohol Prevention Day 2009

In Europa, come in Italia, l‘alcol alla guida è la prima causa evitabile di morte tra i giovani. Le statistiche rilevano come i giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni siano quelli per i quali è più elevato il rischio di determinare o subire un incidente. Secondo il rapporto dell'Osservatorio nazionale alcol del Cnesps "Il rischio alcol in Italia" è elevata anche la media dei bicchieri consumati in un‘unica serata, nella notte del sabato un ragazzo consuma in media 4 bicchieri e una ragazza poco più di 3.

illustrazioneIn Italia, il binge drinking (bere fino a ubriacarsi) e il policonsumo di bevande alcoliche sono in aumento soprattutto tra i minorenni e, in particolare, tra le ragazze.

Il consumo per ubriacarsi, inoltre, non è più un fenomeno episodico, ma diventa un‘abitudine frequente nei fine settimana, in particolare il sabato sera. Le rilevazioni effettuate nel 2008 dal sistema di sorveglianza Passi (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia) indicano che più di un italiano su dieci, tra coloro che consumano alcolici, si mette alla guida dopo aver bevuto almeno due bicchieri di vino o due lattine di birra.

Inoltre, poco meno di due terzi della popolazione adulta tra 18 e 69 anni consuma abitualmente alcolici: il 16% di loro è un bevitore ad alto rischio.

illustrazione

I controlli sistematici delle Forze dell‘ordine con etilotest, strumento efficace contro la guida in stato di ebbrezza, sono ancora poco diffusi e sembrano indirizzati più sui giovani, anche se il fenomeno riguarda tutte le classi di età. Il 42% dei circa 5300 intervistati nel 2008 dichiara di aver subito un controllo - da guidatore o da passeggero - nel corso dell‘ultimo anno.

Tuttavia, solo il 9% dei fermati riferisce che il guidatore è stato sottoposto anche al “test del palloncino”: si tratta di meno dell‘1% di tutti gli intervistati. Il ricorso all‘etilometro sembra più frequente tra i giovani (18-24 anni) e negli uomini. È quindi ampio il margine di miglioramento per contrastare il fenomeno della guida sotto l‘effetto dell‘alcol, incrementando l‘uso di questo strumento durante i controlli di routine.

Per i dettagli, consulta gli approfondimenti di EpiCentro su:

Ultimo aggiornamento: 
23 aprile 2009