In bella vista: Vaccinazione di richiamo anti-Covid-19

Con la circolare del 7 settembre 2022 Utilizzo dei vaccini a m-Rna nella formulazione bivalente Original/Omicron BA.1 nell’ambito della campagna vaccinale anti-Sars-CoV-2/Covid-19, il ministero della Salute raccomanda l’utilizzo della formulazione bivalente dei vaccini a m-Rna (Comirnaty Original/Omicron BA.1 e Spikevax Original/Omicron BA.1) come dose di richiamo nei soggetti di età superiore a 12 anni, che abbiano almeno completato un ciclo primario di vaccinazione anti-Sars-CoV-2/Covid-19.
Con l’obiettivo di rendere prontamente disponibili le prime indicazioni relative al proseguimento della campagna vaccinale, la circolare segue il via libera dell’Aifa del 5 settembre 2021, che ha accolto il parere dell’Ema sulla dose booster con i vaccini bivalenti anti-Covid-19 adattati a Omicron.
La formulazione bivalente Original/Omicron BA.1 dei due vaccini a m-Rna, Comirnaty e Spikevax, è raccomandata prioritariamente:

  • a coloro che sono ancora in attesa di ricevere la seconda dose di richiamo, in base alle raccomandazioni e le tempistiche previste dalla circolare 11 luglio 2022:
      -  persone di età ≥ 60 anni
      -  persone di età ≥ 12 anni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti o preesistenti
      -  operatori sanitari
      -  operatori e ospiti delle strutture residenziali per anziani
      -  donne in gravidanza
  • a tutti i soggetti di età uguale o superiore a 12 anni ancora in attesa di ricevere la prima dose di richiamo, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il completamento del ciclo primario, con le tempistiche già previste per la stessa.

Alla circolare è allegato il foglio illustrativo (allegato 2) con le specifiche tecniche della formulazione Original/Omicron BA.1 di Comirnaty, che può essere utilizzato come nota informativa da allegare al consenso informato. Eventuali successivi aggiornamenti saranno resi disponibili nella banca dati trovafarmaco di Aifa.

Questi vaccini hanno mostrato la capacità di indurre una risposta anticorpale maggiore di quella del vaccino monovalente originario, sia nei confronti della variante Omicron BA.1 sia delle varianti BA.4 e BA.5. Sul piano della sicurezza i dati disponibili non mostrano differenze rispetto al vaccino monovalente originario.

L’obbligo vaccinale è stato prorogato al 31 dicembre 2022 per le seguenti categorie:

  • gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario
  • tutti i lavoratori impegnati in strutture residenziali sociosanitarie e socioassistenziali
  • il personale che svolge a qualsiasi titolo la propria attività lavorativa nelle strutture di cui all’art. 8-ter del D.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502 (per esempio ospedali, residenze sanitarie assistite, ambulatori, studi medici e odontoiatrici, centri diagnostici), a esclusione dei contratti esterni
  • gli studenti dei corsi di laurea impegnati nello svolgimento di tirocini per l’abilitazione all'esercizio delle professioni sanitarie.

Per prenotare la vaccinazione nelle varie regioni d'Italia consultare il sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Per approfondire:

Articoli correlati sul sito Ccm:

Ultimo aggiornamento:
21 settembre 2022