Sorveglianza dell'antibioticoresistenza in comunità, nelle infezioni trasmesse dagli alimenti e in quelle di origine zoonosica

Anno: 
2008

Ad oggi quasi tutti i microrganismi hanno sviluppato una forma di resistenza ad almeno un chemioterapico e si assiste alla comparsa di patogeni resistenti a più antibiotici. La valutazione sull‘impatto che l‘antibioticoresistenza ha in sanità pubblica deve essere necessariamente specifica per patogeno, per antibiotico e per area geografica. Questo fenomeno è legato alla circolazione di patogeni propri delle strutture sanitarie (ceppi resistenti alla meticillina, detti anche Mrsa ), nonché alla circolazione di patogeni zoonosici con un elevato numero di serbatoi animali, veicoli alimentari e diffusione ambientale (ceppi fluorochinoloni-resistenti e cefalosporine-resistenti)

Il progetto si propone di:

  • implementare e rafforzare le sorveglianze esistenti in grado di isolare e identificare i ceppi CA-Mrsa (acquisito in comunità)
  • individuare e caratterizzare i principali genotipi di Salmonella Typhimurium non-DT104 multiresistenti
  • valutare la possibile origine animale di E. coli fluorochinoloni-resistenti responsabili di infezioni umane extraintestinali.

Finanziamento

Per questo progetto il Dmipi ha ricevuto un finanziamento di 150.000 €.

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Maria Grazia Pompa
Per il Dmipi: Ida Luzzi

Ultimo aggiornamento: 
23 novembre 2009