Prevenzione della depressione e del suicidio: programma di intervento integrato con il coinvolgimento dei Medici di medicina generale

Anno: 
2008

L‘Organizzazione mondiale della sanità stima che nel 2020 la depressione rappresenterà la seconda causa di disabilità a livello mondiale. A questo peso crescente sul piano epidemiologico deve corrispondere, quindi, una capacità crescente dei sistemi sanitari nazionali di promuoverne il riconoscimento precoce e il trattamento appropriato.

Recenti studi hanno dimostrato che 9 depressi su 10 sono in cura esclusivamente dai Medici di medicina generale e circa i due terzi di coloro che si tolgono la vita ha avuto almeno un contatto con il proprio Medico di medicina generale nelle quattro settimane precedenti il suicidio.

Sulla base di questi importanti dati, con questo progetto biennale il Ccm intende coinvolgere gli operatori sanitari di medicina generale per definire le migliori strategie atte a migliorare il riconoscimento precoce e il trattamento appropriato della depressione, e del rischio di suicidio, attraverso accordi di informazione e formazione e la redazione di specifiche Linee guida.

Finanziamento

Per questo progetto il Centro studi e ricerche in psichiatria della Asl 2 di Torino ha ricevuto un finanziamento di 100.000 €.

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Giovanna Romano
Per il Centro studi e ricerche in psichiatria della Asl 2 di Torino: Carmine Munizza.

I risultati del progetto

Le attività del progetto si sono concluse il 30 aprile 2012.
Consulta il report finale (pdf 72 kb).

Ultimo aggiornamento: 
15 settembre 2009