Caratterizzazione molecolare del virus pandemico SARS- CoV-2 in Italia

Dall’identificazione del virus SARS-CoV-2 la comunità scientifica si è rapidamente adoperata per caratterizzare il virus e le sue dinamiche di replicazione, descrivendo la sua patogenesi e monitorando la sua diffusione. I modelli matematici e i dati epidemiologici sono stati fondamentali per monitorare la diffusione del virus e per le misure di controllo, proiettando la diffusione virale sia nel breve che nel lungo termine (2). Insieme all'analisi epidemiologica basata sul numero dei casi confermati e sui decessi per COVID-19, il sequenziamento dei genomi virali è diventato un potente strumento per comprendere e monitorare le dinamiche di evoluzione e diffusione, come in altre malattie infettive
L'analisi filogenetica sulle sequenze genomiche può consentire di identificare cluster epidemici e di individuare caratteristiche specifiche utili per il trattamento, la progettazione e/o re-editing di un vaccino e il disegno/adattamento di metodi diagnostici. In Italia, manca una raccolga sistematica di dati di sequenziamento insieme ad informazioni clinico-epidemiologiche dei soggetti affetti da COVID-19, cosi come manca un’analisi strutturata dei virus circolanti per determinare la sua variabilità, la sua diffusione, il suo tasso riproduttivo e i relativi cambiamenti nel tempo.Per conoscere adeguatamente le caratteristiche genomiche principali dei ceppi di SARS-Cov-2 circolanti nel nostro Paese con una adeguata rappresentatività geografica è necessario monitorare nel tempo la circolazione del virus e ottenere dati dai vari contesti territoriali. Il progetto intende delineare la diffusione di ceppi appartenenti a diversi clades nelle varie fasi epidemiche in Italia. Sarà possibile analizzare un gran numero di genomi di SARS-CoV-2 durante l'intera epidemia. Questa proposta intende infatti fornire dati sulle caratteristiche genomiche dei ceppi virali di SARS-CoV-2 responsabili dell’epidemia in corso in Italia, per evidenziare tutte le caratteristiche prevalenti dei ceppi circolanti comprendendo il Nord, il Centro e il Sud Italia e coprendo un arco temporale adeguato. L’attività consentirà di monitorare i cambiamenti genetici per valutare prospetticamente l'efficacia delle misure di sanità pubblica cosi come gli effetti dell’introduzione di vaccini anti-COVID-19 per valutare una eventuale pressione selettiva sui virus circolanti.

Il testo del progetto  (Pdf: 477 Kb)

ENTE PARTNER: ISS

COSTO: 470.000,00 euro