Implementazione della raccolta dati sui cicli singoli di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) al fine di migliorare l’efficacia del Sistema di Sorveglianza Nazionale/Registro Nazionale PMA

Nel nostro paese è in vigore dal Dicembre 2006, in ottemperanza all’art. 11 della legge 40/2004, un sistema di Sorveglianza/Registro Nazionale della Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) che raccoglie, al momento in modalità aggregata, tutti i dati sull’applicazione dei cicli di trattamento di Procreazione Medicalmente Assistita. Le recenti modifiche legislative hanno ampliato l’applicazione delle procedure di PMA, permettendo anche i trattamenti con donazione di gameti. Per consentire, quindi di avere maggiori elementi per valutare approfonditamente la dimensione del fenomeno PMA in tutte le sue applicazioni (omologhe ed eterologhe), la sua rilevanza, le eventuali problematiche correlate all’efficacia dei trattamenti e la loro sicurezza è necessario implementare il sistema di sorveglianza attuale con una raccolta dati, basata sui singoli cicli di PMA, iniziando dalle tecniche maggiori: fecondazione in vitro con successivo trasferimento di embrione (FIVET) e iniezione intracitoplasmatica di un singolo spermatozoo (ICSI). L’implementazione del sistema di raccolta dati, con il passaggio dalla raccolta dal dato aggregato al dato di ogni singolo ciclo di trattamento, consentirà di aumentare notevolmente l’accuratezza epidemiologica delle analisi statistiche eseguite. La raccolta dei dati su ciclo singolo, rispetto ad una raccolta aggregata, consiste nell’individuare e monitorare per ogni singolo ciclo, e non paziente, tutto il percorso che viene compiuto in un

Il testo del progetto (PDF: 235 kb)

Ente: ISS

Euro: 157.000