Azioni a sostegno del Piano Nazionale per l'eliminazione del morbillo e della rosolia congenita

Nel 2010, il Comitato Regionale dell’OMS per l’Europa ha stabilito lo spostamento degli obiettivi di eliminazione del morbillo e della riduzione dei casi di rosolia congenita nella Regione, inizialmente previsti per il 2010, al 2015, richiamando gli Stati membri sulla necessità di rinnovare l’impegno politico, di risorse e azioni per raggiungere tali propositi. Nel panorama italiano, l’intesa Stato Regioni concernente il “Piano Nazionale per l’Eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015” (PNEMoRc), ha permesso di definire le linee guida attuative nazionali per il raggiungimento di quanto individuato a livello europeo.
Sebbene considerevoli progressi siano stati fatti verso l’interruzione della trasmissione, in Italia la copertura vaccinale si sta progressivamente allontanando dal 95%, valore necessario a garantire il controllo delle malattia e la sua successiva eliminazione. La sempre più marcata diffidenza nei confronti delle vaccinazioni è anche conseguenza della diffusione di informazioni errate e scientificamente infondate che si trovano in internet, e specialmente nei social network. Come risultato è sempre più diffuso il fenomeno della “vaccine hesitancy”, che spesso si configura non tanto come una vera e propria avversione ai vaccini ma come una notevole preoccupazione nei confronti dei vaccini e dei rischi percepiti ad esse collegati, che si traduce in cicli vaccinali incompleti, ritardi vaccinali, scelta selettiva di alcune vaccinazioni e rifiuto di altre.

Obiettivo del progetto è quello di sostenere l’attuazione del Piano nazionale per l’eliminazione del morbillo e della rosolia congenita attraverso specifici interventi coordinati che prevedono l’implementazione dell’analisi epidemiologica con la produzione di report regionali e resoconti regionali sintetici, il supporto a specifica attività di formazione per gli operatori sanitari in particolare sugli aspetti comunicativi, l’elaborazione e attuazione di un piano di comunicazione rivolto alla popolazione generale a supporto del piano con particolare riferimento al WEB e Social Network, il sostegno alle regioni in difficoltà sugli obiettivi del piano e la promozione delle attività supplementari di immunizzazione sul territorio nazionale.

Il testo del progetto (PDF: 511 Kb)

ENTE PARTNER: Regione Marche

COSTO: 400.000 euro

Referenti istituzionali
Per il Ccm: Stefania Iannazzo
Per la Regione Marche: Daniel Fiacchini