Gestione e comunicazione di emergenze infettive, zoonosi e tossinfezioni alimentari: sviluppo e valutazione di sorveglianze e procedure attraverso l'esperienza EXPO 2015

In base al nuovo regolamento sanitario internazionale e alla recente Decisione della Commissione Europea, tutti gli stati membri dell’Unione europea devono essere in grado di identificare precocemente eventuali rischi per la salute pubblica di rilevanza internazionale ed agire tempestivamente. La preparedness è un requisito fondamentale quando si verificano eventi epidemici ed emergenze di natura infettiva ,ed è quanto mai necessaria nel momento in cui sono presenti diversi flussi, sia turistici che migratori, ed eventi di mass gathering quali EXPO 2015. Infatti, Milano ospiterà dal 1° maggio al 31 ottobre 2015 l’Esposizione Universale sul tema "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita", per la quale si prevedono circa  29 milioni di visitatori di cui il 25% proveniente dall’estero

Le esperienze tratte da precedenti eventi di massa mostrano che tra i principali rischi possibili per la salute vi  sono le malattie infettive, quelle trasmesse da alimenti e acque, quelle correlate al clima, gliincidenti e infortuni.

Il progetto intende dunque migliorare la preparedness, la gestione e la comunicazione inerenti le emergenze infettive, anche in ambito di zoonosi alimentari regionali e sovraregionali. Nello specifico si prevede l’implementazione di un Sistema di Allerta Rapida (SAR) a livello locale in base a peculiarità regionali e per l’evento EXPO, attraverso lo sviluppo della sorveglianza sindromica basata sugli accessi ai Pronto soccorso e della sorveglianza basata su eventi (EBS). Verrà inoltre realizzata la stesura di procedure per la preparazione e gestione integrata tra i vari servizi del SSR e SSN di episodi epidemici a livello regionale e sovraregionale anche alla luce della lettura del SAR, considerando i focolai da microrganismi trasmessi attraverso il contatto interumano/via aerea e attraverso alimenti e vettori. Saranno sviluppati ed armonizzati gli strumenti nella comunicazione del rischio e di emergenze di tipo infettivo, sulla base  delle linee guida internazionali e delle esperienze a livello italiano e potenziata la  funzione di epidemic intelligence.

Testo del progetto (PDF: 340 Kb)

Partner
Regione Lombardia

Finanziamento
Euro 383.700

Referenti istituzionali
Per il Ccm: Maria Grazia Pompa
Per la Regione Lombardia: Maria Gramegna