Assistenza delle persone esposte ad amianto: sportelli informativi e sorveglianza epidemiologica

L’Italia è stata, nel secolo scorso, il maggior produttore di amianto in fibra tra gli Stati dell’Unione Europea. I dati del terzo rapporto del Registro nazionale dei mesoteliomi (ReNaM) dell’ISPESL (2010) evidenziano un’incidenza (per 100.000 residenti) di 3,4 casi negli uomini e di 1,1 nelle donne, per una stima di circa 1.350 casi incidenti di mesotelioma l’anno. L’ultimo decennio ha visto in Italia una costante crescita del numero dei casi di tumori professionali da amianto (mesotelioma pleurico, pericardio e peritoneale, carcinoma polmonare) riconosciuti dall’INAIL che ha raggiunto i 500 casi l’anno, ai mesoteliomi sono poi da aggiungere anche i casi di tumore polmonare asbesto–correlati. Nell’ambito dell’analisi dell’impatto sanitario conseguente all’esposizione all’amianto, un tema di particolare rilievo è rappresentato dalla sorveglianza sanitaria ed assistenza degli ex esposti alle fibre. Per poter intervenire su tale target di popolazione è fondamentale definire un “anello di congiunzione” tra cittadino/lavoratore ex esposto (o esposto) e Servizio Sanitario Regionale. Il progetto si propone di attivare a livello di Asl degli “sportelli amianto con il compito di informare, fare counseling, fornire eventuale assistenza medico-legale agli ex esposti (e comunque a tutti coloro che riferiscano esposizioni pregresse o in atto) ed orientare i soggetti sintomatici verso Percorsi Diagnostici-Terapeutici “protetti”. Inoltre il progetto intende implementare la sorveglianza epidemiologica anche attraverso l’arruolamento di coorti di ex-esposti, l’analisi degli archivi delle malattie professionali e delle schede di dimissione ospedaliera sui casi di patologie asbesto correlate, e l’acquisizione ed analisi di dati per la costruzione di uno strumento scientifico per la stima di pregresse esposizioni.

Il testo del progetto (PDF: 112 Kb) 

Partner

Lazio

Finanziamento

Euro 400.000

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Alessi Mariano

Per la Regione Lazio: Domenico Di Lallo