Valutazione del rischio riproduttivo in aree a forte pressione ambientale (RiscRipro_SENTIERI)

Gli Esiti Avversi della Riproduzione (EAR) rappresentano un problema per la sanità pubblica soprattutto perché si presentano con distribuzione e diffusione mutevole nel tempo e nello spazio e con impatti differenti in sottopopolazioni e in gruppi a diverso grado di vulnerabilità e suscettibilità. L’eziologia per molti EAR è sconosciuta o incerta spesso vi verificano cluster o eccessi, specie in aree ad elevato rischio ambientale. Una causa ambientale può agire con un’azione mutagena pre-concezionale (per esposizione materna o paterna), un’azione teratogena post-concezionale, con meccanismi epigenetici che possono avere effetti generazionali o transgenerazionali.

La valutazione dell’evidenza epidemiologica di associazione tra esposizioni ambientali nei Siti di Interesse Nazionale (SIN) e i principali EAR, tra cui le Malattie Congenite (MC) , è stata parte integrante del Progetto CCM-SENTIERI (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento), la cui valutazione ha prodotto un giudizio di evidenza “Limitata” di associazione delle MC con la residenza in prossimità di impianti petrolchimici, raffinerie e discariche, e di evidenza “Inadeguata” per impianti chimici e inceneritori. Dai risultati emerge la limitatezza delle evidenze fino ad oggi disponibili sull’eziologia di origine ambientale delle MC, tuttavia le evidenze scientifiche mostrano un incremento di rischio di altri EAR (in particolare il basso peso alla nascita) in popolazioni residenti in siti inquinati. Con il progetto si intende stimare il rischio di malformazioni congenite, basso peso, prematurità, sex ratio nelle aree dei Siti di Interesse Nazionale per la bonifica (SIN) studiati dal progetto SENTIERI per rafforzare il sistema di sorveglianza e identificare priorità per azioni di sanità pubblica.

Il testo del progetto (PDF: 107 Kb)

Partner

Toscana

Finanziamento

Euro 280.000

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Liliana La Sala

Per la Regione Toscana: Piergiuseppe Calà

Principali risultati e conclusioni

  • Aggiornamento della rassegna bibliografica sul rischio di EAR associato con esposizioni ambientali, fattori di rischio socio-economici e individuali.
  • Valutazione della potenzialità di uso di dati correnti per la descrizione epidemiologica di eventi avversi della riproduzione su scala locale (aree geografiche comunali) e per l’integrazione dei dati dei Registri delle MC.
  • Valutazione del rischio di eventi avversi della riproduzione in aree inquinate. 
  • Rafforzamento della rete e del sistema di sorveglianza dei Registri delle MC.

Il Progetto RISCRIPRO ha affrontato per la prima volta, a livello nazionale e in modo standardizzato, il tema del rischio di EAR nelle popolazioni residenti nei SIN italiani. I risultati conseguiti, utilizzando i Registri MC e i SIS, rappresentano un valido, seppur migliorabile, sistema di valutazione epidemiologica finalizzato a definire il profilo della salute riproduttiva nei siti contaminati.

Le indicazioni suggerite dal Progetto RISCRIPRO possono ritenersi sufficienti a giustificare e supportare la definizione di politiche finalizzate alla bonifica dei territori, alla prevenzione sanitaria e alla promozione della salute riproduttiva.

Materiali

Rapporto conclusivo