Coorti di popolazione adulta italiana seguite longitudinalmente per 20-30 anni: lo svantaggio socio-economico e gli esiti di salute

I recenti studi epidemiologici hanno messo in evidenza l’associazione fra livello socio-economico e malattie cronico degenerative, dai quali si evidenzia che anche nei paesi economicamente sviluppati le malattie sono più frequenti nelle classi sociali più povere e meno istruite.

I dati hanno inoltre evidenziato che il livello di istruzione, l’occupazione e il reddito, considerate insieme o separatamente, sono inversamente associati ad obesità, inattività fisica e abitudine al fumo di sigaretta. Queste relazioni sono state riscontrate anche in Italia, in particolare i dati raccolti nell’ambito dell’Osservatorio Epidemiologico Cardiovascolare/Health Examination Survey 2008-2012, basati sull’esame diretto di campioni rappresentativi di popolazione generale adulta, hanno evidenziato che negli ultimi 10 anni si è assistito ad un aumento dell’obesità, più elevato al Sud e nelle persone con livello di istruzione più basso (elementare/medio-inferiore). Per poter attuare interventi di prevenzione ed intraprendere azioni collettive è fondamentale conoscere le problematiche della popolazione, evidenziando le differenze per età e per genere, evidenziando gli andamenti temporali e regionali nei diversi livelli socioeconomici, e valutando ciò che si è modificato negli anni in termini di comportamenti e stili di vita, fattori di rischio, condizioni a rischio e malattie cronico-degenerative in base al livello di istruzione, al reddito, all’occupazione e al paese di nascita.

Il progetto si propone di valutare l’andamento negli ultimi 30 anni delle caratteristiche della popolazione italiana per macroareegeografico-culturali in termini di abitudini e stili di vita, di fattori di rischio, di condizioni a rischio e di malattie cronico-degenerative nei differenti livelli socio economici e culturali evidenziandone le disuguaglianze e le conseguenze in termini di salute.

Il testo del progetto (PDF: 2,3 Mb)

Partner

Istituto Superiore di Sanità

Finanziamento

Euro 305.250

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Giovanna Laurendi

Per l’ISS: Simona Giampaoli

 

Materiali

Relazione finale (PDF: 3,1 Mb)