Lo stato di salute dei detenuti degli istituti penitenziari di 6 regioni italiane: un modello sperimentale di monitoraggio dello stato di salute e di prevenzione dei tentativi suicidari

Il DPCM 01/04/2008 assegna la tutela della salute della popolazione detenuta al SSN, rendendo, pertanto, equiparabile il trattamento della popolazione carceraria con quella generale. Da una revisione attenta della letteratura internazionale emergono importanti differenze in termini di salute tra le due popolazioni; nonostante i detenuti abbiamo un’età media più bassa, si rileva infatti una prevalenza nettamente superiore, di patologie croniche, malattie infettive e psichiatriche, quest’ultime confermate anche dall’elevato numero di suicidi, che rappresentano una delle principali cause di morte nella popolazione detenuta. Ciò che appare evidente, avvicinandosi all’ambiente detentivo, è la mancanza di informatizzazione, che per anni ha costretto il personale sanitario a svolgere il proprio lavoro con modalità obsolete, rendendo difficile il monitoraggio dello stato di salute e del trattamento dei reclusi.

In Italia, da alcuni anni è stato attivato un tavolo interregionale che, avvalendosi della collaborazione di professionisti appartenenti al Ministero della Salute e al Ministero di Grazia e Giustizia, si è posto la finalità di elaborare uno strumento clinico, ovvero la cartella informatizzata, utilizzabile in tutte le strutture penitenziarie del territorio.

Il presente progetto intende rilevare le condizioni di salute della popolazione detenuta nelle strutture penitenziarie delle regioni coinvolte nel progetto con particolare attenzione alla valutazione del rischio suicidario e promuovere la sperimentazione di azioni preventive in alcuni istituti penitenziari degli enti partecipanti .In particolare verrà sviluppato uno strumento informatizzato in grado di rilevare le informazioni specifiche sullo stato di salute e il trattamento farmacologico dei detenuti, con particolare attenzione alla valutazione del rischio suicidario.

Il testo del progetto (PDF: 121 Kb)

Partner
Regione Toscana

Finanziamento
Euro 290.000

Referenti istituzionali
Per il Ccm: Teresa Di Fiandra
Per la Regione Toscana: Fabio Voller (referente scientifico di ARS)

Risultati del progetto

Finalità del progetto e attività svolte per il raggiungimento degli obiettivi previsti:

  • costruzione di una breve cartella clinica per la raccolta di informazioni relative a stili di vita, diagnosi internistiche e psichiatriche codificate attraverso la classificazione ICD9cm\ICD10, trattamenti farmacologici erogati all’interno delle strutture e valutazione del rischio suicidario delle persone detenute al’interno delle strutture penitenziarie che aderiscono al progetto;
  • sviluppo di uno strumento informatizzato su tecnologia informatica free/open source in grado di rilevare le informazioni specifiche sullo stato di salute e il trattamento farmacologico dei detenuti, con particolare attenzione alla valutazione del rischio suicidario, e formazione del personale sanitario sull’utilizzo dello strumento;
  • rilevazione, in collaborazione con il personale medico che opera nelle strutture penitenziarie, dello stato di salute dei detenuti presenti nelle regioni coinvolte attraverso lo strumento informatizzato costruito;
  • costruzione di un elenco di azioni multidisciplinari a cui far riferimento per la prevenzione del suicidio e degli atti autolesivi rivolta agli operatori del settore sociosanitario e penitenziario;
  • sperimentazione delle azioni multidisciplinari volte alla prevenzione di azioni suicidarie o auto lesive in alcuni strutture coinvolte nel progetto.

Nell'ambtito del progetto è stato prodotto un software con tecnologia open source e disponibile per tutti gli istituti detentivi che lo volessero adottare per la rilevazione dello stato di salute dei detenuti e del loro rischio suicidario.

Inoltre, è stato pubblicato un report nella serie "Documenti" dell’Agenzia regionale di Sanità (Il numero 83 di Aprile 2015) denominato "La salute dei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico" in cui sono racchiusi tutti i dati della rilevazione corredati di commento e di interpretazione.

Pubblicazioni

La salute dei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico. Collana dei Documenti ARS, n. 83, 2015

La salute dei detenuti toscani. ARS Toscana

Convegno

Salute e malattia nei detenuti in Italia: i risultati di uno studio multicentrico
Roma, 10 aprile 2015

Programma (PDF: 65 Kb)
Report del convegno
Le presentazioni
Rassegna stampa