Analisi di malattie emergenti e riemergenti in relazione ai flussi migratori

Nel corso degli ultimi anni alcune malattie infettive, sconosciute in precedenza alla routinaria pratica trasfusionale, si sono affacciate sulla scena epidemiologica mondiale, mentre altre già responsabili in passato di epidemie e ritenute scomparse o fortemente ridimensionate si sono presentate in maniera preoccupante. Il Dm del 03 marzo 2005, all.4, stabilisce una sospensione di tre mesi per i donatori che hanno viaggiato o soggiornato in zone endemiche per malattie tropicali e obbliga il medico addetto alla selezione di valutare lo stato di salute del donatore dopo il rientro. Il medesimo decreto non indica però il comportamento da tenere verso il cittadino extracomunitario intenzionato a donare il sangue nel nostro Paese.

Per dimensionare tale problema il progetto intende reclutare 4.000 donatori extracomunitari e italiani che hanno soggiornato per periodi superiori al mese in zone tropicali con malattie endemiche, sui quali effettuare ricerche di laboratorio degli agenti eziologici delle malattie infettive più rappresentative per diffusione e gravità ovvero: malaria, tubercolosi, West Nile e febbre Chikungunya. I risultati ottenuti oltre a fornire un quadro del problema risulteranno preziosi per studi epidemiologici e per sviluppare adeguate strategie di controllo di tali infezioni, soprattutto in relazione alla terapia trasfusionale.

Il testo del progetto (pdf kb).

Partner

Regione Campania

Finanziamento

370.000 euro

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Maria Grazia Pompa 

Per la Regione Campania: Raffaele Romano