Sviluppo di un sistema di sorveglianza mirata (risk based surveillance) e delle capacità diagnostiche per le malattie da vettori in Italia

Anno: 
2008

Le malattie trasmesse da vettori sono causate da un gruppo eterogeneo di virus, batteri e parassiti che comprendono nel loro ciclo biologico varie specie animali (mammiferi, uccelli, rettili), uomo compreso, e artropodi (zanzare, zecche, flebotomi) in grado di trasmettere la malattia da un ospite infetto a uno sano.

Le malattie da vettori sono considerate patologie emergenti a livello comunitario, sia per il costante rischio che queste vengano introdotte in Europa dai Paesi in cui queste sono endemiche, sia per il cambiamento climatico che si sta verificando, con effetti sulle condizioni ecologiche e sulle popolazioni di vettori.

Questo progetto si propone di definire sul territorio nazionale un sistema di sorveglianza mirata (risk based surveillance) all‘identificazione dell‘introduzione e della diffusione di malattie trasmesse da vettori, considerando aspetti ecologici, ambientali e di popolazione al fine di rendere questo sistema tempestivo ed efficace per definire le zone a maggior rischio per le malattie da vettori in Italia.

In contemporanea, intende sviluppare le capacità di identificazione di queste malattie nell‘uomo, nelle diverse specie animali e nei vettori, in modo da supportare adeguatamente la sorveglianza e da consentire un rapido intervento in caso di emergenza.

Partner

IzsVe

Finanziamento

250.000 euro

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Maria Grazia Pompa
Per l‘IzsVe: Gioia Capelli

Ultimo aggiornamento: 
1 marzo 2011