Iodoprofilassi: elaborazione e sperimentazione di modelli di monitoraggio nella popolazione generale e nella gravidanza in aree di carenza iodica

Anno: 
2008

La carenza nutrizionale di iodio è la causa più frequente di disturbi della funzione tiroidea: tra questi il gozzo endemico è la forma più comune e può indurre deficit di vario grado dello sviluppo neuropsichico. Si tratta di un problema di salute pubblica, diffuso a livello mondiale, che oggi colpisce in modo particolare i Paesi in via di sviluppo, ma è anche presente in Europa.

In Italia persistono su tutto il territorio nazionale aree con vario grado di carenza iodica. L‘obiettivo generale del progetto è quello di elaborare e sperimentare modelli di monitoraggio della iodoprofilassi, attraverso lo studio di una comunità ristretta ma omogenea (come l‘intera popolazione di un villaggio iodocarente) e lo studio di una popolazione rappresentativa di donne incinta residenti in aree iodocarenti ben definite.

I problemi specifici della gravidanza saranno inoltre affrontati in corsi di formazione e in pubblicazioni divulgative e con l‘elaborazione di protocolli integrativi della iodoprofilassi nello stato gravidico.

Partner

Azienda ospedaliero-universitaria pisana

Finanziamento

100.000 euro

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Giovan Battista Ascone 
Per l‘Azienda ospedaliero-universitaria pisana: Aldo Pinchera

Ultimo aggiornamento: 
27 febbraio 2011