Sorveglianza delle malattie batteriche invasive da Neisseria Meningitidis, Streptococcus pneumoniae ed Haemophilus influenzae

Anno: 
2009

Le malattie batteriche invasive sono una importante causa di morbosità e sono caratterizzate da una elevata frequenza di gravi complicanze. La prevenzione della maggior parte dei casi è in parte possibile grazie alla disponibilità di vaccini contro H. influenzae tipo B, meningococco C e alcuni sierotipi di pneumococco.

Per stimare la quota di infezioni prevenibili, costi e benefici dei diversi programmi di immunizzazione sono necessari dati rappresentativi insieme alla tipizzazione dei ceppi che, se pur non funzionale al trattamento della malattia, è essenziale per stimare la quota di infezioni prevenibili e verificare, nel tempo, eventuali modificazioni nei ceppi circolanti.

Il sistema di sorveglianza, implementato nel 2007 con l‘estensione del monitoraggio a tutte le forme invasive, necessita di un costante supporto epidemiologico ed informatico per la raccolta dei dati e la diffusione dei risultati. Inoltre, i dati degli ultimi 2 anni di attività mostrano significative differenze interregionali, in parte attribuibili alla sottonotifica e alla mancata diagnosi microbiologica, per cui è importante il monitoraggio per migliorare la qualità dei dati.

L‘obiettivo generale del progetto è di migliorare la sorveglianza microbiologica ed epidemiologica delle malattie invasive da N. meningitidis, St. pneumoniae ed H. influenzae in Italia per un più efficace monitoraggio del loro andamento temporale e geografico.

Partner

Iss

Finanziamento

289.300 euro

Referenti istituzionali

Per il Ccm: Maria Grazia Pompa
Per l‘Iss: Paola Mastrantonio

Ultimo aggiornamento: 
27 febbraio 2011