Definizione e implementazione di un modello di assistenza domiciliare integrata per malati affetti da insufficienza respiratoria in ossigenoterapia a lungo termine o ventilazione meccanica domiciliare

Anno: 
2010

Da dati di letteratura si stima che la prevalenza di soggetti sottoposti a Ossigenoterapia domiciliare a lungo termine (Olt ) per insufficienza respiratoria avanzata, affetti prevalentemente da broncopneumopatia cronica ostruttiva grave, sia tra lo 0,22% e lo 0,33% e circa un terzo di questi sia trattato con Ventilazione meccanica domiciliare (Vemd ).

Questi pazienti sono soggetti a ripetuti ricoveri ospedalieri e/o accessi in Pronto soccorso a causa di: frequenza riacutizzazioni della patologia di base, relativa instabilità clinica, presenza di comorbilità, scarso supporto di care givers, insufficiente compliance alle terapie.
Un miglioramento del supporto assistenziale domiciliare potrebbe ridurne l‘entità a vantaggio dell‘appropriatezza delle prestazioni rese e della qualità dell‘assistenza.

Questo progetto si prefigge, dunque, la creazione e la sperimentazione in una Asl della Regione Lazio di un modello di rete assistenziale integrata in favore dei soggetti affetti da insufficienza respiratoria, con il supporto di strumenti di telemedicina.

In particolare, si prevede di articolare un intervento multidisciplinare e multiprofessionale con il coinvolgimento di tutte le figure professionali già attive, offrendo il supporto chiave di un centro di ascolto per il telemonitoraggio con infermieri con il ruolo di care manager e di infermieri “specialisti” esperti nella gestione di soggetti con insufficienza respiratoria avanzata, Olt e Vemd, con il ruolo di case manager.

Partner

Laziosanità-Asp

Finanziamento

210.000 euro

Referenti istituzionali

Per il Ccm: direttore Ufficio VII della Direzione generale della Prevenzione sanitaria
Per Laziosanità-Asp: Antonio Mastromattei

Ultimo aggiornamento: 
16 febbraio 2011