Rapporto Passi 2008

È on line il rapporto nazionale Passi 2008 (pdf 3,5 Mb). Il documento, presentato in occasione della manifestazione “Guadagnare salute: i progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia”, che si è tenuta a Napoli il 24 e 25 settembre 2009, aggiorna all'anno 2008 i risultati del sistema di sorveglianza Passi.

I risultati relativi al 2008 dimostrano sensibili variazioni sia tra le diverse aree geografiche del Paese, sia tra le differenti categorie socio-demografiche della popolazione. Il quadro che emerge è caratterizzato da diseguaglianze di salute, per le quali i determinanti sociali sembrano giocare un ruolo rilevante.

Il campione di persone intervistate nel 2008 (Pool Passi 2008) è costituito da oltre 37 mila persone, selezionate in modo casuale dalle liste delle anagrafi sanitarie delle Asl partecipanti. Il 50,8% degli intervistati è rappresentato da donne. L‘età media è di 44 anni. Il 57% ha un titolo di studio superiore o la laurea e il 64%, nella fascia d‘età 18-65 anni, ha un lavoro regolare. Il campione è molto simile alla popolazione da cui è stato estratto e alla popolazione italiana.

Notevoli le differenze riscontrate sia tra le Asl sia tra le Regioni. In particolare, a parte il consumo di alcol che è maggiore al Nord, al Sud si registrano più rischi connessi a fumo, sedentarietà e dieta. Ampie differenze anche per le misure di prevenzione individuale. Dal punto di vista strategico, questi divari devono essere letti come potenziali guadagni di salute che Asl e comunità locali possono conseguire. Si tratta quindi di utilizzare i dati raccolti per stabilire i propri obiettivi di salute e pianificare in modo coerente gli interventi e le iniziative per raggiungerli.

illustrazione
La copertina del rapporto nazionale Passi 2008 

Il sistema di sorveglianza Passi

Passi (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia) nasce nel 2006 per monitorare i fattori comportamentali di rischio per la salute e la diffusione delle misure di prevenzione della popolazione adulta e insieme ai sistemi Passi d‘argento, OKkio alla Salute e Hbsc, costituisce una rete di sorveglianza che col passare del tempo è diventata un valido strumento per valutare gli interventi, attivare scelte consapevoli e indirizzare correttamente le azioni future.

Basato sull'idea che la prevenzione debba partire dall‘ascolto dei cittadini, è in accordo con l'attuale visione della prevenzione, secondo cui le politiche sanitarie dovrebbero mettere al centro del proprio agire la centralità della persona e, contemporaneamente, cercare ogni alleanza utile alla migliore tutela possibile della salute dei cittadini.

Passi fornisce informazioni dettagliate a livello aziendale e regionale, consente confronti tra le Asl e le Regioni partecipanti e fornisce elementi utili per le attività programmatorie locali. La raccolta dei dati avviene tramite interviste telefoniche sull'intero territorio nazionale, che vengono condotte da operatori sanitari appositamente formati.
Al progetto hanno aderito tutte le Regioni e le Province autonome e dal mese di aprile 2007 è cominciata la rilevazione dei dati. Alla fine del 2008 erano state registrate circa 60 mila interviste complete, a settembre 2009 ne risultavano 80 mila.

Le aree oggetto di indagine comprendono:

  • i temi del programma "Guadagnare salute" (attività fisica, abitudine al fumo, fumo passivo, situazione nutrizionale e abitudini alimentari e consumo di alcol)
  • il rischio cardiovascolare (ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, calcolo del rischio cardiovascolare)
  • la sicurezza (sicurezza stradale, infortuni domestici)
  • i programmi di prevenzione (screening del tumore del collo dell‘utero, screening del tumore della mammella, screening del tumore del colon retto, vaccinazione antinfluenzale, vaccinazione antirosolia)
  • il benessere (percezione dello stato di salute, sintomi di depressione).

Risorse utili

Ultimo aggiornamento: 
13 ottobre 2009