InfluNet e CovidNet

Come di consueto, nella 42a settimana del 2020 (lunedì 12 ottobre 2020) è iniziata la Sorveglianza epidemiologica e virologica dei casi di sindrome simil-influenzale (InfluNet) che terminerà nella 17a settimana del 2021 (domenica 25 aprile 2021), salvo ulteriori comunicazioni legate alla situazione epidemiologica nazionale.

Il protocollo InfluNet per la stagione 2020-21 prevede alcuni cambiamenti rispetto alla precedente stagione influenzale dovuti al contesto emergenziale della pandemia da Covid-19. In particolare:

  1. è necessario rafforzare il sistema di sorveglianza InfluNet, arruolando un numero maggiore di medici sentinella (medici di medicina generale, Mmg e pediatri di libera scelta, Pls), per raggiungere una copertura di almeno il 4% della popolazione regionale (4% per ciascuna Asl e per ciascuna fascia di età). Parallelamente è necessario rafforzare anche la sorveglianza virologica con l’aumento del numero di tamponi effettuati tra gli assistiti dei medici sentinella. Sarebbe auspicabile che a tutti gli assistiti con Ili sia effettuato il tampone.
  2. poiché la sintomatologia dei virus influenzali è paragonabile a quella del Covid-19 si ritiene opportuno effettuare, sullo stesso tampone, la ricerca dei virus influenzali e del Sars-Cov-2. Pertanto si richiede ai laboratori della Rete InfluNet di testare sistematicamente i tamponi in parallelo per i virus influenzali e per Sars-CoV-2.
  3. agli assistiti con Ili il tampone non sarà più effettuato dal medico sentinella ma dalla Asl competente a cui il medico appartiene.

I laboratori di riferimento regionale per l’influenza potranno continuare a raccogliere anche il risultato del virus respiratorio sinciziale (Rsv) nei campioni clinici testati nell’ambito della sorveglianza dell’influenza.

I siti della sorveglianza dell’influenza sono i seguenti:

Ricordiamo che la sorveglianza InfluNet, coordinata dall’Iss con il sostegno del ministero della Salute, si avvale del contributo dei Mmg e Pls, e dei referenti presso le Asl e le Regioni. Si articola nella sorveglianza epidemiologica (che ha l'obiettivo di determinare l'inizio, la durata e l’intensità dell'epidemia stagionale) e nella sorveglianza virologica (che ha come obiettivo il monitoraggio della circolazione dei diversi tipi, nonché sottotipi, di virus influenzali). La raccolta e l’elaborazione delle segnalazioni di malattia è effettuata dall’Iss che provvede all’elaborazione a livello nazionale e produce un rapporto settimanale che viene pubblicato sul sito del ministero della Salute.
Le indagini virologiche sui campioni biologici raccolti vengono eseguite dai laboratori facenti parte della Rete InfluNet e dal Centro nazionale per l’influenza (Nic) dell’Iss.
Il Nic provvede all’elaborazione dei dati virologici a livello nazionale e produce un rapporto settimanale, che viene pubblicato sul sito del ministero della Salute.
Il Nic fa parte della rete internazionale dei laboratori coordinati dall’Oms e della rete europea coordinata dal Centro europeo di prevenzione e controllo delle malattie (Ecdc).
L’Iss e il Nic provvedono all’invio settimanale sia dei dati epidemiologici all’Ecdc sia dei dati virologici all’Oms e all’Ecdc.

Infine, soprattutto in questa stagione influenzale, si ribadiscono l’importanza e la necessità della vaccinazione antinfluenzale, soprattutto nei soggetti ad alto rischio di tutte le età per semplificare la diagnosi e la gestione dei casi sospetti, dati i sintomi simili tra Covid-19 e influenza. Vaccinando contro l’influenza, inoltre, si riducono le complicanze nei soggetti a rischio e gli accessi al pronto soccorso. Sempre a causa dell’emergenza Covid-19, la vaccinazione antinfluenzale può essere offerta gratuitamente anche nella fascia d’età 60-64 anni.

Per approfondire:

Articoli correlati sul sito Ccm:

Ultimo aggiornamento:
22 ottobre 2020