International Diabetes Federation (Idf) Congress

Dal 2 al 4 dicembre 2019, in Corea, si è tenuto l’International Diabetes Federation (Idf) Congress che, ogni due anni, riunisce la comunità scientifica mondiale del diabete per affrontare una vasta gamma di problematiche legate alla malattia diabetica e discutere gli ultimi progressi in tema di cura, gestione, e educazione del diabete.
Oltre a medici, scienziati, infermieri e educatori partecipano anche decisori politici e pazienti.

Il programma della tre giorni ha previsto 160 ore di sessioni scientifiche, 300 relatori e 1000 poster e si è focalizzato su sette tematiche fondamentali:

  • medicina di base e traslazionale
  • ricerca clinica e terapeutica
  • diabete e donne
  • complicanze e comorbidità del diabete
  • aspetti sociali e culturali del diabete
  • gestione integrata del diabete e educazione terapeutica del diabete
  • epidemiologia e sanità pubblica
  • vivere con il diabete.

Sulla piattaforma dedicata è possibile scaricare i poster del convegno, durante il quale sono stati presentati anche i dati della 9° edizione dell’Idf Diabetes Atlas, pubblicata in occasione della Giornata mondiale del diabete (World Diabetes Day 2019), istituita  dall’Idf e dall’Organizzazione mondiale della sanità e che si è celebrata, come ogni anno, il 14 novembre 2019.
L’Idf Diabetes Atlas fornisce un’approfondita panoramica sul diabete a livello globale. I dati pubblicati nel rapporto provengono da 221 paesi e rappresentano oltre il 93% della popolazione mondiale. Secondo le ultime stime riportate la prevalenza della malattia diabetica continua ad aumentare, attualmente sono 463 milioni le persone con diabete, e le proiezioni mostrano che nel 2045 le persone diabetiche saranno oltre 700 milioni.

Ricordiamo inoltre che il 1 luglio 2020 si terrà, a Lisbona, la seconda edizione dell’Idf Diabetes Complications Congress, una serie di eventi formativi focalizzati sulle complicanze del diabete.

Infine, dal 27 al 30 novembre 2019, a Padova, si è tenuto il 22° Congresso nazionale dell’Amd (Associazione medici diabetologi) che ha affrontato il tema dell’evoluzione della figura del “diabetologo” inteso come “persona”, al fine di creare una rete di professionisti e di servizi indirizzati al miglioramento della qualità dell’assistenza dei pazienti. Il convegno ha previsto anche un simposio congiunto con l’American diabetes association che segna l’inizio di una collaborazione tra le due società scientifiche per affrontare il problema dell’inerzia terapeutica.

ll Ccm ha finanziato diversi progetti sulla prevenzione e la gestione del diabete e la patologia diabetica rientra nel macro obiettivo 1, “Ridurre il carico prevenibile ed evitabile di morbosità, mortalità e disabilità delle malattie non trasmissibili” del Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018.
Per maggiori informazioni consultare la sezione I programmi e i progetti del Ccm

Per approfondire:

Articoli correlati sul sito Ccm:

Ultimo aggiornamento:
18 dicembre 2019