Influenza stagionale

Sono on line i primi bollettini di  FluNews-Italia per la stagione influenzale 2019-2020. Il rapporto integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza dell’influenza: Sismg (sistema di sorveglianza della mortalità giornaliera), InfluWeb (sistema di partecipazione volontaria per il monitoraggio delle sindromi influenzali in Italia), InfluNet-Epi (sistema di sorveglianza epidemiologico delle sindromi influenzali), InfluNet-Vir (sistema di sorveglianza virologico dell’influenza).
La finalità è quella di fornire un quadro quanto più completo possibile sull’andamento dell'influenza nel periodo. I dati sulle forme gravi e complicate di influenza confermata saranno via via pubblicati non appena disponibili.

Nella 47a settimana del 2019 l’attività dei virus influenzali è ai livelli di base. Il numero di casi stimati in questa settimana è pari a circa 167.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 642.000 casi.

Riepilogo degli indicatori disponibili:

  • Casi gravi: i dati sulle forme gravi e complicate di influenza confermata saranno via via pubblicati non appena disponibili.
  • Mortalità: durante la 46a settimana del 2019 la mortalità è stata in linea con il dato atteso, con una media giornaliera di 205 decessi rispetto ai 197 attesi.
  • InfluWeb: durante la 47a settimana del 2019, circa il 33% dei casi di sindrome simil-influenzale riferisce di non essere stato visitato da un medico del Servizio sanitario nazionale ma di aver avuto una sindrome simil-influenzale.
  • InfluNet-Epi: nella 47a settimana del 2019 l'incidenza totale è pari a circa il 2,76 casi per mille assistiti.
  • InfluNet-Vir:  durante la seconda settimana di sorveglianza virologica (47/2019) per la stagione 2019/2020, si osserva una bassa circolazione di virus influenzali. Nel complesso, dall’inizio della stagione, sono stati identificati 2 ceppi A di sottotipo H1N1pdm09 ed 1 di tipo B.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la sezione FluNews - Italia sul sito EpiCentro.

I dati della sorveglianza epidemiologica delle sindromi influenzali (InfluNet-Epi), relativi alla 47a settimana del 2019 (dal 18 al 24 novembre), sono disponibili nel quarto rapporto epidemiologico InfluNet; i dati della sorveglianza virologica delle sindromi influenzali (InfluNet-Vir), relativi alla 47a settimana del 2019 (dal 18 al 24 novembre), sono disponibili nel secondo rapporto virologico InfluNet.

Il sistema di sorveglianza nazionale InfluNet, coordinata dall’Iss con il supporto del ministero della Salute, si articola nella sorveglianza epidemiologica che ha l'obiettivo di determinare l'inizio, la durata e intensità dell'epidemia stagionale, e nella sorveglianza virologica che ha come obiettivo il monitoraggio della circolazione dei diversi tipi, nonché sottotipi di virus influenzali. La rete Influnet si avvale del contributo dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta, dei referenti presso le Asl e le Regioni e della rete dei laboratori di riferimento regionale.
La raccolta e l’elaborazione delle segnalazioni di malattia sono effettuate dall’Istituto superiore di sanità, le indagini virologiche sui campioni biologici raccolti vengono eseguite dai laboratori facenti parte della Rete InfluNet e dal Centro nazionale per l’influenza dell’Iss.
Per entrambe le sorveglianze l’Iss produce un rapporto settimanale, pubblicato sul sito del ministero della Salute.
La rilevazione dei dati della sorveglianza epidemiologica è iniziata come di consueto nella 42a settimana del 2019 (lunedì 14 ottobre 2019) e terminerà nella 17a settimana del 2020 (domenica 26 aprile 2020).
Il monitoraggio della circolazione dei virus influenzali è iniziata a partire dalla 46a settimana 2019 e si protrarrà per l’intero periodo di sorveglianza.
L’Iss e il Centro nazionale per l’influenza provvedono inoltre all’invio settimanale sia dei dati epidemiologici all’European centre for disease prevention and control (Ecdc) sia dei dati virologici all’Oms e all’Ecdc.

Maggiori dettagli sono disponibili nel documento Influnet. Sorveglianza epidemiologica e virologica dell’influenza. Protocollo operativo stagione 2019-2020.

I siti Internet della sorveglianza dell’influenza sono:

Ricordiamo inoltre che dalla metà di ottobre fino a fine dicembre la vaccinazione antinfluenzale viene offerta attivamente e gratuitamente ad alcune categorie a rischio di complicanze, elencate nella circolare Prevenzione e controllo dell’influenza: raccomandazioni per la stagione 2019-2020. Il documento precisa che il periodo destinato alla conduzione delle campagne di vaccinazione antinfluenzale è quello autunnale, a partire appunto dalla metà di ottobre fino a fine dicembre. In generale è però opportuno offrire la vaccinazione antinfluenzale ai pazienti eleggibili in qualsiasi momento della stagione influenzale, anche se si presentano in ritardo per la vaccinazione. Questo può essere particolarmente importante se si tratta di una stagione influenzale tardiva o quando si presentano pazienti a rischio.
Il vaccino antinfluenzale è comunque indicato per tutti i soggetti che desiderino evitare la malattia influenzale e che non abbiano specifiche controindicazioni.

Oltre alla vaccinazione, si raccomandano anche misure di protezione personali non farmacologiche, utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza:

  • l’igiene respiratoria (contenimento della diffusione derivante da starnuti e colpi di tosse con la protezione della mano o di un fazzoletto)
  • il lavaggio frequente e accurato delle mani.

Un obiettivo fondamentale della campagna di comunicazione sull'influenza 2019-2020, oltre alla promozione della vaccinazione, è quello di raccomandare il corretto uso degli antibiotici, ai quali non si deve ricorrere in caso di infezioni virali come l'influenza.

Per approfondire:

Articoli correlati sul sito Ccm:

Ultimo aggiornamento:
29 novembre 2019