Vaccinazioni pediatriche e dell’adolescente, le coperture vaccinali nel 2018

Al 31 dicembre 2018 si regista un trend in crescita delle coperture vaccinali (Cv) dell'età pediatrica e dell’adolescente rispetto all’anno precedente, che già aveva mostrato un netto miglioramento.
È quanto riportato dai dati 2018, elaborati dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria del ministero della Salute, che saranno confrontati con quelli raccolti tramite l’Anagrafe nazionale vaccini, attiva da aprile 2019, per rilevare eventuali disallineamenti.

Nella maggior parte delle Regioni i dati sulla copertura nazionale a 24 mesi nei confronti della polio (indicatore per la vaccinazione esavalente) raggiunge il 95,09%, superando la soglia del 95% raccomandata dall’Oms per limitare la circolazione di virus e batteri nella collettività e ottenere oltre alla protezione dei singoli soggetti vaccinati anche la cosiddetta immunità di gregge (o di popolazione o heard immunity).
Aumentano anche le coperture nei confronti delle vaccinazioni anti-pneumococcica e anti-meningococcica C.
Il trend generale positivo è confermato anche dalle Cv nazionali a 36 mesi e a 48 mesi, rilevate per verificare l’attività di recupero dei bambini inadempienti.
Per le coorti di nascita successive si registrano recuperi di copertura, anche se non si raggiunge l’obiettivo del 95%.

Nonostante il trend in aumento registrato continua a destare preoccupazione il mancato raggiungimento dell’obiettivo di Cv (95%) per la vaccinazione contro morbillo-parotite-rosolia, in tutte le fasce d’età considerate. Proprio per questo si attende in tempi rapidi l’approvazione del nuovo Piano nazionale per l’eliminazione del morbillo e della rosolia (PNEMoRc).

Le Cv rappresentano l’indicatore per eccellenza delle strategie vaccinali, poiché forniscono informazioni in merito alla loro reale implementazione sul territorio e sull’efficienza del sistema vaccinale.
Gli obiettivi sono definiti a livello internazionale dal Piano d’azione globale per le vaccinazioni 2011-2020 (Global Vaccine Action Plan 2011-2020, Gvap) dell’Oms e in Italia dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale (Pnpv) 2017-2019.
In Italia le coperture vengono monitorate annualmente richiedendo alle Regioni e Province Autonome i dati, relativi ad alcune specifiche coorti di nascita, al 31 dicembre dell’anno precedente a quello in cui viene effettuata la richiesta.

Per approfondire:

Articoli correlati:

Ultimo aggiornamento:
30 luglio 2019