Influenza

Dai dati del rapporto epidemiologico InfluNet relativo alla 7° settimana (dall’11 al 17 febbraio 2019) risulta che:

  • nella 7° settimana del 2019 il numero di casi di sindrome influenzale continua a diminuire anche se ancora si mantiene ad un livello di incidenza di media intensità (circa 11,0 casi per mille assistiti)
  • il calo dell’incidenza è generalizzato in tutte le età, anche se maggiormente nei giovani e negli adulti
  • il numero di casi stimati in Italia in questa settimana è pari a circa 663.000, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 5.968.000 casi
  • Lombardia, P.A. di Trento e Abruzzo le Regioni maggiormente colpite.

La sorveglianza sentinella della sindrome influenzale InfluNet è coordinata dall’Istituto superiore di sanità (Iss) con il sostegno del ministero della Salute. La rete si avvale del contributo dei medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, dei referenti presso le Asl e le Regioni. L’obiettivo è descrivere i casi di sindrome influenzale, stimarne l’incidenza settimanale durante la stagione invernale, in modo da determinare l’inizio, la durata e l’intensità dell'epidemia. Il sistema di sorveglianza comprende i medici e i pediatri sentinella di tutte le regioni italiane.

Per quanto riguarda il monitoraggio delle forme gravi e complicate di influenza confermata e della mortalità giornaliera il rapporto settimanale FluNews mette in evidenza che:

  • nella 7a settimana del 2019 sono stati segnalati 516 casi gravi da influenza confermata di cui 95 deceduti
  • durante la 6a settimana del 2019 la mortalità è stata in linea con il dato atteso, con una media giornaliera di 246 decessi rispetto ai 249 attesi.

Il rapporto FluNews integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza dell’influenza (casi gravi, Sismg, InfluWeb, InfluNet-Epi, InfluNet-Vir) ed è elaborato dall’Iss, dalla Fondazione Isi, dal ministero della Salute e dal Dipartimento di Epidemiologia Ssr Lazio - Asl Roma 1).
L’epidemiologia delle forme gravi e complicate di influenza confermata è basata sulle segnalazioni al ministero della Salute e all’Istituto superiore di sanità dei casi gravi e complicati di influenza confermata in laboratorio, le cui condizioni prevedano il ricovero in Unità di terapia intensiva (Uti) e/o il ricorso alla terapia in Ossigenazione extracorporea a membrana (Ecmo).
Il sistema di sorveglianza della mortalità giornaliera Sismg è basato sui dati di mortalità dalle anagrafi comunali incluse nel “Piano operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute”, avviato dal ministero della Salute nel 2005, attraverso specifici progetti del Ccm. ll sistema permette di valutare la variazione della mortalità settimanale per 19 città incluse nella sorveglianza nazionale.

Per approfondire:

Articoli correlati:

Ultimo aggiornamento:
26/02/2019