La scuola promuove la salute

Il 20 febbraio 2019 il ministro della Salute e il ministro dell'Istruzione hanno partecipato al convegno di presentazione del documento “Indirizzi di policy integrate per la scuola che promuove salute” firmando un protocollo d'intesa per la tutela del diritto alla salute e allo studio, condiviso con le regioni e tutte le istituzioni per un approccio intersettoriale della promozione della salute intesa come  proposta educativa continuativa e integrata lungo tutto il percorso scolastico, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria di secondo grado, secondo un approccio life-course e per setting.

Il documento “Indirizzi di policy integrate per la Scuola che promuove salute”, approvato il 17 gennaio 2019 in Conferenza Stato-Regioni, nasce all'interno della programmazione del Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 (Pnp 2014-2018) finalizzato a favorire l’inserimento nel curriculum formativo degli studenti delle scuole di ogni ordine e grado della “Promozione della salute”.
La scuola va infatti considerata come luogo privilegiato per la promozione della salute nella popolazione giovanile, in cui i temi relativi ai fattori di rischio comportamentali devono essere trattati con un approccio trasversale in grado di favorire lo sviluppo di competenze oltre che di conoscenze, integrato nei percorsi formativi esistenti.

Il documento mira a favorire la condivisione di obiettivi tra il livello centrale e quello regionale, al fine di garantire un impegno attivo in favore della implementazione, del monitoraggio e della valutazione di efficaci strategie di promozione della salute. Sottolinea in particolare come salute e istruzione siano strettamente collegate e incidono sul benessere economico di un Paese anche con un notevole impatto sui risultati di salute e sulle diseguaglianze sociali.

La scuola - in particolare per la capacità di costruire reti e connessioni con tutti i soggetti diretti e indiretti, esterni ad essa, chiamati ad agire nell’interesse comune - è in grado di aggregare figure professionali e servizi molto diversi tra di loro e di focalizzare, proprio all’interno del sistema educativo di istruzione e di formazione, interventi ad hoc, altrimenti non realizzabili. Tale sinergia di reti e alleanze permette di promuovere azioni a sostegno del benessere del singolo e della intera comunità, attraverso l’empowerment e la capacity building della “comunità scolastica” e il contributo tecnico-scientifico delle Aziende sanitarie locali.

Le principali evidenze di letteratura hanno dimostrato la maggiore efficacia dell’“Approccio scolastico globale”, raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che affronta le singole questioni all’interno di un unico quadro d’insieme calato nei processi educativi formativi, combinando interventi in aula e sugli ambienti, intrecciando cambiamento individuale e trasformazione sociale e intervenendo su tutti gli aspetti della vita della scuola:

  • promozione di competenze individuali e capacità d’azione
  • miglioramento dell’ambiente fisico e organizzativo
  • miglioramento dell’ambiente sociale
  • collaborazione con la comunità locale o raccordo con i servizi sanitari.

L’ “Approccio scolastico globale” rende evidente come il sistema scolastico e il sistema sanitario abbiano fondamentali interessi comuni la cui combinazione può consentire alla scuola di diventare un luogo dove imparare, lavorare e vivere “meglio” e al tempo stesso “guadagnare salute”.
Proprio grazie a documenti programmatici come “Guadagnare salute” negli ultimi anni sono state rafforzate nel nostro Paese le azioni volte a diffondere e facilitare l’assunzione di comportamenti che influiscono positivamente sullo stato di salute della popolazione, coinvolgendo anche e soprattutto il mondo della scuola e sviluppando sistemi di sorveglianza come OKkio alla salute  e l’'HBSC - Health behaviour in school-aged children la cui popolazione target è rappresentata dai bambini e dai ragazzi in età scolare.

Infine il documento costituirà un utile strumento per la progettazione di interventi efficaci per la promozione della salute nell’ambito del Piano nazionale della prevenzione 2020-2025, di cui è stata recentemente avviata la fase di elaborazione.

Il Ccm ha promosso e finanziato diversi progetti di promozione della salute nelle scuole, molti dei quali coerenti con le aree di intervento previste dal programma “Guadagnare salute”. Per ulteriori informazioni consultare le sezioni I programmi e i progetti del Ccm e Guadagnare salute.

Per approfondire:

Articoli correlati:

 

Ultimo aggiornamento:
26/02/2019