Antibiotico-resistenza (Ar)

Il 18 gennaio 2019 il ministero della Salute ha emesso la circolare Sistema nazionale di sorveglianza sentinella dell'antibiotico-resistenza (AR-ISS) - Protocollo 2019, che aggiorna il protocollo della sorveglianza Ar/Iss (Antibiotico-resistenza/Istituto superiore di sanità), attiva dal 2001 con il coordinamento dell’Iss.
L’Antibiotico-resistenza (Ar) è uno dei principali problemi di sanità pubblica.
Nel 2017 il ministero della Salute ha pubblicato il Piano Nazionale di Contrasto dell’Antimicrobico-Resistenza (PNCAR) 2017-2020, fissando il percorso che le istituzioni nazionali, regionali e locali devono compiere per un miglior controllo della resistenza agli antibiotici nei prossimi anni, e sottolineando l’importanza della sorveglianza allo scopo di disporre di dati validi e rappresentativi per monitorare le resistenze nel tempo.

L’obiettivo generale del Sistema nazionale di sorveglianza è descrivere le caratteristiche epidemiologiche dell’Ar in un gruppo selezionato di specie batteriche isolate da infezioni di rilevanza clinica (batteriemie e meningiti) che rappresentano sia infezioni associate all’assistenza sanitaria che infezioni acquisite in ambito comunitario. Tali dati sono essenziali per sostenere le azioni di contrasto dell’antibiotico-resistenza e monitorare nel tempo il loro impatto.

Il protocollo Ar-Iss 2019 si focalizza sugli obiettivi, i metodi e le modalità di rilevazione dei dati del sistema di sorveglianza Ar-Iss, aggiornati sulla base delle attuali condizioni ed esigenze del PNCAR. Tale protocollo viene aggiornato periodicamente (annualmente) e include anche un documento che esplicita il set di requisiti minimi che i laboratori partecipanti alla sorveglianza devono possedere, allo scopo di definire gli standard minimi di qualità per i laboratori diagnostici che forniscono dati alla sorveglianza Ar-Iss.

Il Ccm ha promosso e finanziato diversi progetti sull’Antibiotico-resistenza (Ar). Per ulteriori informazioni consultare la sezione I programmi e i progetti del Ccm.

Per approfondire:

Articoli correlati sul sito Ccm:

Ultimo aggiornamento:
31 gennaio 2019