Ambiente e salute

Sono disponibili sul sito Ccm i risultati del progetto 2015 “Ambiente e Salute nel PNP 2014-2018: rete nazionale di epidemiologia ambientale, valutazione di impatto integrato sull’ambiente e salute, formazione e comunicazione (EpiAmbNet)”.
La strategia europea Salute 2020 indica i rischi ambientali tra i principali determinanti dello stato di salute della popolazione, infatti numerose condizioni morbose sono legate a esposizioni ambientali quali l’inquinamento atmosferico, le conseguenze del cambiamento climatico, il rumore urbano, la residenza in aree contaminate. Questi fattori interagiscono, spesso in modo sinergico, con i determinanti sociali della salute e con gli stili di vita, pertanto l’integrazione delle attività tra il settore ambientale e quello sanitario è di importanza fondamentale per proteggere la salute dai rischi derivanti dalla contaminazione ambientale e per garantire luoghi abitativi e di lavoro che tutelino la salute dei residenti e dei lavoratori.
Il progetto ha inteso rafforzare il contributo della epidemiologia sul tema Ambiente e Salute secondo le linee indicate del nuovo Piano Nazionale della Prevenzione (PNP) 2014-2018, attraverso il coinvolgimento e il lavoro congiunto delle strutture ambientali e sanitarie.

Un prodotto del progetto è stata l’elaborazione del Documento guida di comunicazione del rischio ambientale per la salute.
Il lavoro ha l’obiettivo di presentare in forma sintetica le conoscenze maturate in tema di comunicazione del rischio su ambiente e salute, ma soprattutto di fornire indicazioni di supporto alla gestione operativa di processi di comunicazione. Si avvale della lettura critica di esperienze maturate in Italia, da cui sono tratte le osservazioni e i suggerimenti per la promozione di buone pratiche.
Il documento è rivolto prioritariamente a operatori del Servizio Sanitario Nazionale (Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende Usl; Direzioni Regionali degli Assessorati alla Sanità) e del Sistema Nazionale della Protezione Ambientale (Ispra, Arpa e Appa).Può essere di interesse anche per gli operatori degli Enti Locali impegnati sulle tematiche ambientali e di salute pubblica.

Inoltre al fine di dare supporto alle Regioni per lo sviluppo dell’obiettivo 2.8 del Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018 (“Ridurre le esposizioni ambientali potenzialmente dannose per la salute”) è stata costituita una Rete nazionale di epidemiologia ambientale e comunicazione del rischio, per dare un supporto alla valutazione integrata di impatto ambientale e sanitario e alla formazione in epidemiologia ambientale, e consentire di rispondere alle aree del PNP sulle quali è opportuna e necessaria un’attività coordinata a guida centrale di tutte le Regioni.
Il sito attraverso una mappa offre una fotografia dei centri della Rete dell'epidemiologia ambientale italiana, permette di conoscere le loro attività e le relative produzioni scientifiche degli ultimi 5 anni (2012-2016). Vengono inoltre rappresentati i territori coperti da ogni singolo studio e le relazioni instauratesi tra i centri. Entrando nel dettaglio dei singoli nodi la mappa offre informazioni sul personale in organico e l'elenco degli articoli scientifici e dei rapporti prodotti, tutti scaricabili direttamente dal sito. È possibile accedere ai dati per fattore di rischio, area geografica, centro di epidemiologia e titolo di articolo. Un accesso specifico è riservato agli studi multicentrici di rilevanza nazionale o internazionale.

Il Ccm ha promosso e finanziato diversi progetti sulla relazione ambiente e salute. Per ulteriori informazioni consultare la sezione I programmi e i progetti del Ccm.

Per approfondire:

Articoli correlati:

Ultimo aggiornamento:
31 gennaio 2019