Global Dementia Observatory

Con l’invecchiare della popolazione mondiale, il numero di persone che convivono con diagnosi di demenza triplicherà entro il 2050, passando da 50 milioni a 152 milioni.
Lo riferisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che, a dicembre 2017, ha lanciato il Global Dementia Observatory (GDO), una piattaforma web pensata per offrire un facile accesso ai dati e alle informazioni principali sulla demenza nei diversi Paesi membri.
Tre gli ambiti trattati: politiche sanitarie, offerta dei servizi e informazione e ricerca. L’obiettivo del GDO – a cui l’Italia con ha partecipato alla fase pilota con il lavoro congiunto di Istituto superiore di sanità e ministero della Salute – è offrire ai diversi Stati uno strumento di supporto per misurare i progressi fatti in questo settore, anche alla luce di quanto delineato nel Piano d’azione “Global action plan on the public health response to dementia 2017-2025”.
In particolare, il GDO supporterà l’offerta di servizi per le persone affette da demenza e per coloro che si prendono cura di loro, rafforzerà le politiche sanitarie nazionali e monitorerà le misure di riduzione del rischio e i sistemi di assistenza sanitaria e sociale per la demenza. Saranno fornite anche informazioni sui sistemi di sorveglianza e sui dati relativi al carico associato alla malattia.

Per approfondire:
il Global Dementia Observatory sul sito dell’OMS
il comunicato stampa sul sito dell’OMS
il Global action plan on the public health response to dementia 2017-2025 sul sito dell’OMS.



Ultimo aggiornamento:
29 gennaio 2018