ECDC: nuova expert opinion

La malattia meningococcica invasiva del sierogruppo B (SgB IMD) è una causa importante di meningite e setticemia nei paesi Paesi appartenenti all’Unione Europea (UE) e alla EEA (European Economic Area), ed è caratterizzata da una rapida insorgenza ed elevata morbosità e mortalità. In particolare, nel 2015, sono stati segnalati 1.682 casi di SGD IMD nei paesi UE/EEA attraverso il sistema di sorveglianza dell’UE (TESSy), con un numero elevato di casi tra i bambini di età inferiore a un anno. Ciò ne rende essenziale la prevenzione. A questo scopo l’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) ha recentemente pubblicato un parere di esperti sull'introduzione del vaccino contro il meningococco B multicomponente (4CMenB) nei paesiUE / EEA per supportarli nel loro processo decisionale. Il parere degli esperti dell’ECDC fornisce informazioni sul carico della malattia meningococcica invasiva del sierogruppo B nei paesiUE / EEA e include considerazioni generali sull'introduzione del vaccino 4CMenB, sulla sua sicurezza ed efficacia, e sui costi.

Ad oggi, il vaccino è stato introdotto in programmi nazionali di vaccinazione di routine, finanziati con fondi pubblici, in Irlanda, Italia e Regno Unito. Austria, Repubblica ceca e Germania (nello stato della Sassonia) hanno raccomandato il vaccino senza finanziamenti e sei paesi hanno introdotto il vaccino solo per i gruppi a rischio. I paesi che hanno deciso di non attuare la vaccinazione di routine contro la malattia meningococcica invasiva del sierogruppo B (SGB IMD) hanno riferito come motivi la bassa incidenza di IMD SgB, un rapporto costo-efficacia sfavorevole, dati limitati sull'efficacia, la sicurezza, la durata della protezione e l’impatto sullo stato di carriage.

Il vaccino 4CMenB ha dimostrato di essere efficace nell'indurre risposta immunitaria nei neonati tra i due e i cinque mesi con una schedula 3 dosi + 1, così come nei neonati oltre i sei mesi e nei bambini dai due ai dieci anni con un schedula 2 dosi + 1. Negli adolescenti e negli adulti, una schedula a due dosi è in grado di generare anticorpi protettivi contro gli antigeni contenuti nel vaccino.
I risultati dal Regno Unito, in cui il vaccino è stato introdotto nel programma nazionale di immunizzazione nel settembre 2015 con una schedula semplificata di priming a due dosi, mostrano che l’efficacia del vaccino 4CMenB a due dosi è dell’82,9% contro tutti i casi di IMD SgB. Nei bambini idonei al vaccino i casi di SgB IMD sono stati dimezzati nei primi 10 mesi del programma di immunizzazione.

Gli esperti consultati dall’ECDC hanno sottolineato l'importanza di una comunicazione efficace sul vaccino con i genitori e gli operatori sanitari e di una collaborazione tra gli Stati membri nel processo di valutazione. Hanno inoltre suggerito una serie di opzioni per i paesi che stanno prendendo in considerazione l'introduzione del vaccino 4CMenB, che includono la vaccinazione universale dei bambini al di sotto di un anno di età, la vaccinazione di diverse fasce di età, la vaccinazione di soggetti a rischio o la vaccinazione in corso di epidemia. Nella scelta risultano, comunque, fondamentali le valutazioni e le analisi specifiche per paese, legate al contesto epidemiologico.

Per approfondire:
la notizia sul sito dell’ECDC
il documento integrale “Expert opinion on meningococcal B vaccine – information and suggestions to EU/EEA countries”

Articoli correlati sul sito CCM:
In bella vista - In gazzetta ufficiale il PNPV 2017-2019

Ultimo aggiornamento:
22/12/2017