Seminario sulla WHIP-Salute

Il 12 giugno scorso, presso il Ministero della Salute, si è tenuto il “Seminario di studio e approfondimento WHIP-Salute: una fonte informativa per la programmazione e la conoscenza su lavoro e salute“.
WHIP Salute (Work History Italian Panel) è un sistema informativo per il monitoraggio della salute dei lavoratori italiani, finanziato dal Centro Controllo Malattie (CCM) del Ministero della Salute attraverso il progetto del 2007 ”Un sistema informativo integrato per il monitoraggio della salute dei lavoratori italiani“.
Il WHIP Salute è stato inserito tra i sistemi di sorveglianza nazionali con DPCM 3 marzo 2017 (Identificazione dei sistemi di sorveglianza e dei registri di mortalità, di tumori e di altre patologie).
WHIP Salute permette di studiare gli effetti sulla salute (esiti di infortunio, malattia professionale, ospedalizzazione) indotti da cambiamenti e trasformazioni in ambito lavorativo (precarizzazione, aumento dei lavoratori stranieri, invecchiamento della forza lavoro, aumento delle piccole imprese, terziarizzazione, outsourcing, etc.) per le quali le informazioni contenute negli archivi correnti disponibili non sono esaurienti o di buona qualità. Il sistema sopperisce, almeno in parte, alla carenza di indagini longitudinali in Italia.
Il sistema è basato sul record linkage di flussi correnti di dati provenienti dagli archivi amministrativi dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale (INPS), dell’Istituto Nazionale per l’Assicurazione sul lavoro (INAIL) e del Ministero della salute. 
Nel corso del seminario si è sottolineata l’importanza di esplicitare la modalità  di restituzione delle informazioni agli enti fornitori dei dati (INPS, INAIL, ISTAT, Ministero della Salute) e si sono illustrate le caratteristiche e le potenzialità del sistema WHIP Salute.

In particolare, WHIP Salute rappresenta un sistema rappresentativo, economico e longitudinale che può essere utilizzato in vari campi di ricerca:epidemiologia, economia, analisi di contesto e di trend per implementazione di politiche di prevenzione evalutazione delle politiche sanitarie e occupazionali
Durante l’incontro è stato descritto un prototipo di MicroFile per la ricerca (MFR) della banca dati WHIP-Salute, che serva sia da restituzione agli Enti, sia da base per le altre modalità di disseminazione previste dal nuovo Piano Statistico Nazionale (PSN) e sono stati presentati alcuni esempi di utilizzo, come la valutazione del rischio infortunistico in alcune categorie di lavoratori e del rischio relativo di infarto associato alla mobilità lavorativa.
Nel corso del seminario è stato sottolineato come i sistemi informativi della Prevenzione costituiscano uno strumentoessenziale alla programmazione degli interventi di prevenzione, nonché alla sua trasparenza e come accanto ai sistemi gestionali propri di ciascuna Regione, vi siano i sistemi di condivisione nazionali.
Sono stati quindi discussi gli sviluppi futuri di WHIP come sistema di sorveglianza nazionale: la valorizzazione dei risultati ai fini della programmazione e della scienza, i meccanismi di accesso ai dati e le capacità di monitoraggio delle disuguaglianze di salute.
Infine, l’ultima parte dell’incontro è stata dedicata a quelle che sono le nuove domande al sistema di sorveglianza WHIP-Salute da parte degli enti pubblici e della comunità scientifica.

Per saperne di più
Testo del progetto (PDF: 360 Kb)

Il convegno
Seminario di studio e approfondimento WHIP-Salute: una fonte informativa per la programmazione e la conoscenza su lavoro e salute“.
Roma, 12  giugno 2017
Il programma  

Le presentazioni
L’uso integrato di fonti informative correnti per lo studio del rapporto tra salute e lavoro: il sistema longitudinale Whip-SaluteM. Giraudo
Disegno e caratteristiche di un prototipo di MicroFile per la ricerca (MFR) della banca dati WHIP-SaluteR. Leombruni
Il sistema longitudinale Whip-Salute: esempi di utilizzoA. Bena
WHIP-Salute: Programma Statistico Nazionale (PSN)C. Tamburini
Gli sviluppi di WHIP salute G. Costa
Intervento del gruppo tecnico interregionale salute e sicurezza dei luoghi di lavoro N. Cornaggia

Ultimo aggiornamento:
11 luglio 2017