Report HBSC 2014

Il prossimo 15 marzo, a Bruxelles, presso l’International Press Center, si svolgerà l’evento di presentazione del rapporto internazionale sui dati 2014 dello studio HBSC (Health Behaviour in School-aged Children - Comportamenti collegati alla salute in ragazzi di età scolare), al quale parteciperanno membri del Parlamento europeo, organizzazioni non governative, ambasciatori e rappresentanti delle Agenzie delle Nazioni Unite con sede a Bruxelles e i principali media internazionali.

Lo sviluppo di sistemi di sorveglianza con rappresentatività nazionale è un elemento centrale delle strategie di prevenzione e promozione della salute. In particolare, la disponibilità di dati aggiornati e confrontabili anche a livello internazionale sui comportamenti e sulle percezioni degli adolescenti, può contribuire efficacemente allo sviluppo di interventi incentrati sugli effettivi bisogni di salute, che possono influenzare i comportamenti relativi alla salute in età adulta.

L’età pre-adolescenziale e adolescenziale, infatti, rappresenta una fase cruciale per lo sviluppo dell’individuo e costituisce quindi un momento chiave nel quale agire con adeguate politiche, attivando una proficua collaborazione inter-istituzionale, in particolare tra mondo della scuola e mondo della salute.

Il nuovo report esamina i diversi aspetti della salute degli adolescenti della regione europea dell'OMS, evidenziando sia i progressi sia le aree di crescente preoccupazione, al fine di identificare le priorità sulle quali intervenire.

Il rapporto mostra, ad esempio, che l’assunzione di alcol in età scolare è diminuita in modo significativo, così come si è ridotto considerevolmente in tutti i paesi l'uso del tabacco.

Nonostante questi sviluppi incoraggianti, permangono alcuni aspetti che richiedono particolare attenzione, come le problematiche relative alla salute mentale degli adolescenti, alla percezione dell’immagine corporea o ai livelli di attività fisica.

Nel corso dell’evento, dopo la presentazione dei dati da parte dei rappresentanti dell’OMS e del network internazionale HBSC, è previsto un confronto tra relatori ed un panel di giovani, al fine di condividere la discussione dei risultati.

Altro momento di particolare interesse, sarà la riflessione tra media, rappresentanti del Parlamento europeo, organizzazioni non governative, esperti presenti e altri stakeholder, in merito alle implicazioni e alle opportunità di un’azione politica intersettoriale, tenuto conto che anche i risultati dello studio mettono in evidenza l'importanza per la salute dei giovani del più ampio contesto sociale.

L’Italia partecipa al network internazionale dal 2001 e nel 2014 ha condotto la IV indagine nazionale, promossa dal Ministero della Salute /CCM. Come nella precedente raccolta del 2010, l’indagine ha coinvolto tutte le Regioni e rientra tra i sistemi di sorveglianza sviluppati in attuazione del programma nazionale “Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari”.

Alla rilevazione 2014 hanno partecipato 3.317 classi distribuite in tutte le Regioni italiane e la percentuale di rispondenza all’indagine è stata complessivamente del 90.1%. Sono stati raccolti complessivamente 63.148 questionari, con un campione rappresentativo a livello regionale per tutte le Regioni italiane. I dati preliminari della raccolta 2014 sono stati presentati a maggio 2015, nel corso del Convegno che si è tenuto presso il Ministero della Salute ed è in corso di pubblicazione il report completo dell’indagine.

 

Il progetto CCM

Il progetto di sorveglianza HBSC per la popolazione italiana in età adolescenziale: fattori di rischio e risorse utili alla salute per informare le politiche regionali.

 

Ultimo aggiornamento:
26 febbraio 2016