Influenza: primi numeri

La sorveglianza epidemiologica e virologica delle sindromi influenzali, InfluNet, per la stagione 2015-2016, è partita nella 42^ settimana (12-18 ottobre). La sorveglianza, basata su Medici di medicina generale e Pediatri di libera scelta, è coordinata dall'Istituto superiore di sanità (Iss), in collaborazione con il Centro interuniversitario per la ricerca sull'influenza (Ciri-It) di Genova e il sostegno del Ministero della Salute.

L'ultimo rapporto epidemiologico InfluNet, pubblicato il 9 dicembre (49esima settimana del 2015), evidenzia che:

  • l'attività dei virus influenzali è ai livelli di base, come nelle precedenti stagioni influenzali,
  • il livello di incidenza, in questa settimana, è pari a 1,01 casi per mille assistiti. Nella fascia di età 0-4 anni l'incidenza è pari a 3,21 casi per mille assistiti, nella fascia di età 5-14 anni a 1,29 nella fascia 15-64 anni a 1,08 e tra gli individui di età pari o superiore a 65 anni a 0,33 casi per mille assistiti,
  • il numero di casi stimati in questa settimana è pari a circa 61.000, per un totale, dall'inizio della sorveglianza, di circa 378.000 casi,
  • in quasi tutte le Regioni l'incidenza è sotto la soglia epidemica, in tutte le regioni tranne nella P.A. di Trento, in Emilia-Romagna, Umbria e Basilicata.


L'identikit del virus

Su scala internazionale, la circolazione dei virus influenzali si mantiene molto modesta, con sporadiche identificazioni virali. In Europa, seppur ancora limitate, le identificazioni virali sono riconducibili a tutti i diversi tipi e sottotipi di virus influenzali stagionali, con i ceppi A/H1N1pdm09 leggermente prevalenti rispetto agli A/H3N2, così come i ceppi di tipo B - lineaggio Victoria rispetto a quelli del lineaggio Yamagata.
In Italia un caso, segnalato dall'Università di Genova, è risultato positivo al virus influenzale di tipo A(H3N2).
Durante la settimana 49/2015 sono stati raccolti complessivamente 146 campioni clinici dai diversi laboratori afferenti alla rete InfluNet.


Il programma di vaccinazione

La vaccinazione antinfluenzale, per la nostra situazione climatica e per l'andamento temporale mostrato dalle epidemie influenzali in Italia, viene offerta nella stagione autunnale, da metà ottobre a fine dicembre, "fatte salve specifiche indicazioni, che saranno fornite se particolari eventi legati ai vaccini e/o l'andamento epidemiologico stagionale dell'influenza lo richiederanno" come si evidenzia quest'anno nella Circolare del Ministero.
"In accordo con gli obiettivi della pianificazione sanitaria nazionale e con il perseguimento degli obiettivi specifici del programma di immunizzazione contro l'influenza, tale vaccinazione viene offerta attivamente e gratuitamente ai soggetti che per le loro condizioni personali corrano un maggior rischio di andare incontro a complicanze nel caso contraggano l'influenza." L'offerta attiva della vaccinazione antinfluenzale è indirizzata prioritariamente a soggetti di età pari o superiore a 65 anni, a bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza, alle donne che si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, agli operatori sanitari che hanno contatto diretto con i pazienti e ad altri soggetti a rischio elencati nella Circolare ministeriale.

Per la stagione 2015-16 la composizione del vaccino conterrà - secondo le indicazioni Oms - una nuova variante antigenica di sottotipo H3N2 (A/Switzerland/9715293/2013), che sostituirà il ceppo A/Texas/50/2012 contenuto nel vaccino della stagione 2014/2015 e una nuova variante di tipo B (B/Phuket/3073/2013), appartenente sempre al lineaggio B/Yamagata/16/88, in sostituzione del precedente ceppo vaccinale, B/Massachusetts/2/2012.


Bibliografia
1. Influenza. Ministero della Salute.
2. Rapporto Epidemiologico InfluNet. Stagione Influenzale 2015-2016 (settimana 2015 - 49 dal 30 novembre al 6 dicembre 2015) (PDF: 625 Kb).
3. Sorveglianza virologica dell'influenza InfluNet. Rapporto N. 4 del 9 dicembre 2015 (PDF: 1,1 Mb).
4. Ministero della Salute. Prevenzione e controllo dell'influenza: raccomandazioni per la stagione 2015-2016. (PDF: 1 Mb).

Ultimo aggiornamento:
18 dicembre 2015