Certificazioni

L’Intesa Stato Regioni 23 marzo 2005 (pdf 1,2 Mb) prevede una serie di “adempimenti” cui sono tenute le Regioni (dal 2010 sono considerate quelle a statuto ordinario più la Sicilia e sono pertanto escluse: Valle d’Aosta, Province Autonome di Trento e Bolzano, Friuli Venezia Giulia e Sardegna) per accedere alla quota premiale (pari al 3% del Fondo sanitario nazionale) delle somme dovute a titolo di finanziamento della quota indistinta del fabbisogno sanitario al netto delle entrate proprie. Gli esiti finali della verifica degli adempimenti vengono decisi dal Comitato LEA, sulla base del lavoro istruttorio degli Uffici competenti.

Il Pnp è incluso tra i suddetti adempimenti, con la denominazione “U) Piano nazionale della prevenzione”.


Per gli anni 2010-2012, un’apposita Intesa (10 febbraio 2011) ha definito i criteri per la verifica, a livello regionale, dell’adempimento “U) Piano nazionale della prevenzione”, ai fini dell’accesso delle Regioni alle quote vincolate del FSN. La responsabilità ed il lavoro istruttorio di tale verifica sono affidati alla Direzione operativa del Ccm. In base all’Intesa del 10 febbraio 2011, la valutazione finalizzata alla verifica dell’adempimento “U) Piano nazionale della prevenzione” ha per oggetto:

  • per l’anno 2010, la qualità della pianificazione del Prp (“valutazione ex ante” del Prp)
  • per gli anni 2011-2012, lo stato di avanzamento, al 31 dicembre 2011, nell’attuazione del Prp coerentemente a quanto pianificato (“valutazione di processo” del Prp).

L’Accordo Stato Regioni 7 febbraio 2013 ha confermato questi criteri di verifica dell’adempimento per l’anno 2013.

Tutte le Regioni sono risultate adempienti per “U) Piano nazionale della prevenzione per gli anni 2010 e 2011.

Anno 2012

A partire dall’anno 2012, sulla spinta del nuovo orientamento del Comitato Lea, l’adempimento U) Piano nazionale della prevenzione” è stato ri-denominato “U) Prevenzione” con l’intento di integrare la valutazione dello stato di attuazione dei Prp con altri indicatori traccianti delle attività di prevenzione ovvero concepiti per inserire anche una valutazione degli effetti sulla popolazione di alcuni interventi di prevenzione ritenuti di prioritaria importanza.

Ecco risultati della valutazione finalizzata alla verifica dell’adempimento “U) Prevenzione” per l’anno 2012:

Anni 2011 e 2010

Ultimo aggiornamento:
8 marzo 2014