Programma Ccm 2012: iter di approvazione

17 luglio 2012

Con la riunione del Comitato strategico del 12 luglio 2012 si è concluso l‘iter di valutazione dei progetti esecutivi del programma Ccm 2012.

Con le innovazioni procedurali introdotte quest‘anno sono state trasmesse dalle Regioni e Province Autonome, nonché dall‘Iss, dall‘Inail e dall‘Agenas un totale di 244 lettere d‘intenti. A seguito della prima fase di valutazione di congruità sono state ritenute congrue 69 lettere d‘intenti, per le quali la direzione operativa ha richiesto la redazione del relativo progetto esecutivo. Dei 67 progetti esecutivi pervenuti, preso atto della disponibilità finanziaria della parte progettuale del programma, pari a 13.500.000 euro, i Comitati del Ccm hanno approvato 41 progetti esecutivi (pdf 39 kb), tutti aventi natura interregionale.

Si avviano dunque le procedure amministrative per la stipula delle relative convenzioni.

______________________________________________________________________

21 aprile 2012

Il 19 aprile 2012, il Comitato scientifico del Ccm si è riunito per la valutazione di congruità delle lettere di intenti che Regioni e Province Autonome, Iss, Inaill e Agenas hanno trasmesso alla direzione operativa del Ccm per proporre applicazioni al programma Ccm 2012.

Da quest‘anno ciascun Ente partner poteva trasmettere al massimo 15 lettere di intenti, sulla base di tale vincolo complessivamente sono pervenute 244 proposte di iniziative.

Come per lo scorso anno, la valutazione di congruità ha tenuto conto, tra l‘altro, che le lettere d‘intenti:

  1. fossero coerenti rispetto alla mission del Ccm e alle linee progettuali individuate nel programma Ccm 2012
  2. non fossero progetti di ricerca
  3. fossero basate su solide evidenze scientifiche di efficacia
  4. fossero fattibili e trasferibili al Ssn
  5. non si riferissero a progetti che avessero un finanziamento Ccm in corso
  6. fossero progetti interregionali.

Inoltre da quest‘anno ciascuna lettera di intenti doveva prevedere il coinvolgimento di almeno tre Enti partner (Regioni e Province Autonome, Iss, Inaill e Agenas). Sulla base di questi criteri sono state giudicate congrue, con eventuale prescrizione, 69 lettere d‘intenti (pdf 33 kb).

Esaurito questo iter preliminare e non vincolante, il Comitato scientifico del Ccm si riserva l‘esame e l‘approvazione definitiva dei 69 progetti esecutivi.

A tal fine, gli Enti partner sono stati invitati a trasmettere via e-mail (s.mele@sanita.it , p.rosi@sanita.it e dspinn@postacert.it), inderogabilmente entro il 2 luglio 2012, i progetti esecutivi, redatti secondo il formato Ccm (versione corretta, doc 274 kb).

Resta inteso che soltanto i progetti esecutivi approvati a conclusione di questa fase riceveranno il sostegno finanziario del Ccm.

________________________________________________________________________

8 marzo 2012

Approvato il programma annuale di attività per il 2012 (pdf 74 kb) del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie. Così come previsto dal Dm del 5 marzo 2012 (pdf 156 kb, attualmente in fase di registrazione), anche quest‘anno il programma sarà prioritariamente dedicato al sostegno del Piano nazionale della prevenzione (Pnp ) e del programma Guadagnare Salute, nonché al supporto di progetti strategici di interesse nazionale.

Della disponibilità economica per il 2012, pari a 20.467.415 euro, circa i due terzi sono stati ripartiti a favore delle linee progettuali (implementazione di Pnp e Guadagnare Salute e di progetti strategici di interesse nazionale) e un terzo circa per lo svolgimento delle azioni centrali (funzionamento, attività e personale).

Linee di attività

Al fine di sostenere le Regioni nell‘attuazione del Piano nazionale della prevenzione si è ritenuto opportuno riconfermare per l‘anno 2012 la struttura dei programmi dei due precedenti anni, essenzialmente mutuata sulla struttura del Pnp, individuando quali aree di intervento - oltre alla sorveglianza epidemiologica innovativa - la prevenzione universale, la medicina predittiva, la prevenzione nelle persone a rischio, la prevenzione delle complicanze e recidive di malattia. In queste aree i progetti che danno attuazione al programma dovranno basarsi su evidenze scientifiche e garantire la loro trasferibilità sul territorio in coerenza col mandato istituzionale del Ccm.

All‘ambito dei progetti strategici di interesse nazionale afferiscono progetti trasversali e di sistema di supporto alle Regioni, coerenti con la mission del Ccm, ma non direttamente riferibili al Pnp o a Guadagnare Salute.

Conferma delle innovazioni

Il programma Ccm 2011, trasmesso ufficialmente alle Regioni con nota 349 del 7 marzo 2012 (pdf 96 kb), ribadisce l‘iter procedurale adottato negli ultimi tre anni e introduce importanti novità.

Al fine di rendere gli interventi promossi sempre più vicini agli interessi regionali, anche quest‘anno gli accordi di collaborazione necessari alla realizzazione dei progetti saranno direttamente stipulati tra il ministero della Salute e gli Enti partner (Regioni, Iss, Inail e Agenas). Gi stessi Enti sono chiamati a raccogliere e sottoporre al direttore operativo del Ccm le proposte di progetto per il 2012, che dovranno pervenire sotto forma di lettera d‘intenti, redatta secondo il formato 2012 (doc 36 kb), entro e non oltre il 10 aprile p.v.. Nell‘elaborazione delle proposte possono essere coinvolte strutture facenti capo a Ssn, Regioni medesime, Iss, Inail, Agenas, Sanità militare, Istituti zooprofilattici sperimentali, Università e Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico e anche enti, istituti, fondazioni, Ong , associazioni, società scientifiche, agenzie internazionali,ecc. le cui attività abbiano pertinenza con la progettualità prescelta.
Ogni Soggetto eventualmente interessato può, dunque, presentare proposte di progetti solo previo avallo degli Enti partner.

Come indicato nel Dm, da quest‘anno ciascun Ente proponente potrà presentare al massimo 15 lettere di intenti, e ogni proposta dovrà necessariamente prevedere il coinvolgimento di almeno tre Enti. Infine ultima importante novità riguarda il finanziamento di ciascun progetto, che dovrà variare tra una soglia minima di 150.000 euro e una soglia massima di 500.000 euro.

Tempistica

  • Le proposte di progetto avanzate da Regioni, Iss, Ispesl e Agenas, redatte sotto forma di lettera d‘intenti (doc 36 kb), e la relativa nota ufficiale di trasmissione (unitamente alla tabella per l‘invio delle lettere di intenti - All.3 della nota ufficiale agli Enti, xls 24 kb), devono essere inviate entro e non oltre il 10 aprile 2012 a tutti e tre i seguenti indirizzi di posta elettronica:
    s.mele@sanita.it
    p.rosi@sanita.it
    dspinn@postacert.sanita.it
  • il Comitato scientifico del Ccm valuta le lettere d‘intenti entro la fine di aprile
  • per le lettere d‘intenti valutate positivamente, il direttore operativo provvede a richiedere la stesura del progetto esecutivo, redatto secondo la modellistica standard che sarà in seguito indicata
  • i Soggetti a cui sia stato richiesto il progetto esecutivo provvedono a trasmetterlo al direttore operativo del Ccm entro il 30 giugno 2012. Poichè si tratta di un sabato, i progetti dovranno pervenire inderogabilmente entro il 2 luglio 2012.
  • il Comitato scientifico del Ccm esamina e approva i progetti ritenuti congrui per consentire al Comitato strategico di potersi esprimere entro il 20 luglio 2012.
Ultimo aggiornamento: 
17 luglio 2012