Il dossier “Ebp e lavoro. L‘efficacia degli interventi per la prevenzione degli infortuni sul lavoro”

Il dossier “Ebp e Lavoro. L‘efficacia degli interventi per la prevenzione degli infortuni sul lavoro” (pdf 2 Mb), a cura di Alberto Baldasseroni e Nadia Olimpi (gruppo Ebp Toscana), presenta i risultati di un lavoro di revisione sistematica della letteratura scientifica e grigia relativo all‘efficacia degli interventi di prevenzione nei confronti degli infortuni sul lavoro.

La ricerca ha riguardato l‘intero spettro di interventi di prevenzione cercando di coprire tutte le aree coinvolte, come le discipline politecniche, biomediche, psico-sociali, econometriche e giuridiche.

I principali argomenti trattati nelle revisioni hanno riguardato: alcuni settori produttivi (sanità, costruzioni, agricoltura), mezzi di protezione personali, problemi di organizzazione del lavoro e della prevenzione in azienda, valutazione di politiche della prevenzione da parte di autorità ed enti istituzionali.

Sono state interrogate numerose banche dati elettroniche di letteratura scientifica sulla base di un algoritmo di selezione contenente espressioni relative a: intervento; occasione di lavoro; tipo di danno alla persona; efficacia. Complessivamente, sono stati selezionati 5531 articoli, progressivamente ridotti, attraverso la lettura del titolo e dell‘abstract, a 426 articoli di letteratura primaria e 117 revisioni pertinenti al quesito della ricerca. Dopo lettura del testo completo, tra le revisioni ne sono state selezionate 35, che rispondevano, in particolare, al criterio della sistematicità. Queste revisioni hanno sintetizzato i risultati di 769 articoli originali.

I materiali del dossier integrano quanto emerso nei due appuntamenti formativi organizzati durante il progetto Ccm “Gli infortuni sul lavoro: efficacia degli interventi di prevenzione” che per due anni, dal 2006 al 2008 ha rappresentato un vero e proprio banco di prova del network italiano di operatori interessati a questi temi.

In questo lavoro, l‘ampiezza del campo disciplinare da esplorare si è dimostrata una delle difficoltà maggiori da affrontare. Il documento, tuttavia, non ha l‘ambizione di esaurire del tutto le esperienze divulgate, ma può senz‘altro rappresentare una base di partenza per chiunque voglia in futuro cimentarsi su singoli aspetti.

Ultimo aggiornamento:
13 maggio 2013