La riduzione del consumo di sale: un obiettivo possibile

Si terrà a Roma, il 12 marzo, presso la sede del Ministero della salute di Viale Giorgio Ribotta n. 5, il convegno "La riduzione del consumo di sale: un obiettivo possibile".

È ampiamente dimostrato che il consumo eccessivo di sale nell’alimentazione è responsabile dello sviluppo di malattie cardio-cerebrovascolari, tumori, osteoporosi, malattie renali. I risultati di diversi studi epidemiologici, osservazionali e di trial clinici, hanno evidenziato la relazione causale e hanno portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità a raccomandare il consumo giornaliero di sale inferiore ai 5 g al giorno.

La riduzione del sale nell’alimentazione è, quindi, una priorità dell’OMS e dell’Unione Europea, nell’ambito delle strategie di prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, nonché uno degli obiettivi perseguiti dal Ministero della Salute con il programma “Guadagnare salute: rendere facili le scelte salutari”, ribadito nel nuovo Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018.

Il convegno costituisce un'occasione per focalizzare l'attenzione sulle iniziative intraprese per favorire la riduzione del consumo di sale e per presentare i risultati dei progetti promossi dal CCM, finalizzati alla determinazione, nella popolazione adulta, nei bambini e nei soggetti ipertesi, dei livelli urinari di sodio e potassio, quali indicatori del consumo di sale e di vegetali, nonché alla sperimentazione di un programma strutturato di comunità.

È stato richiesto l'accreditamento ECM per tutte le figure professionali.

Programma (PDF: 330 Kb)
Scheda iscrizione (PDF: 127 Kb)

Iscrizione
La domanda debitamente compilata, dovrà essere trasmessa tramite email (cinzia.lonoce@iss.it) o via fax (06/49904227) entro e non oltre il prossimo 27 febbraio.